Search   You are here:  Trasferirsi a vivere e lavorare in Madagascar  
condividi Mollotutto su facebook







Link Sponsorizzati


5 PASSI PER TRASFERIRSI FELICEMENTE ALL'ESTERO
  Vivere e Lavorare in:  ASIA  | OCEANIA   | AMERICA DEL SUD E CARAIBI   | AMERICA DEL NORD E CENTRALE   | AFRICA   | EUROPA

Link Sponsorizzati


TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE IN MADAGASCAR (Antananarivo):
Alfonso Donnarumma, lavorare nel turismo in Madagascar

Di
Letizia Tiscione 15/12/2010



Un sogno fatto ad occhi aperti davanti alla tv molti anni fa e una passione mai sopita per i territori incontaminati, hanno portato Alfonso Donnarumma, 39 anni,  originario della Campania, in Madagascar per una vita all’insegna di spiagge, mare e foreste e …. della sua famiglia composta da Nadia e da un nuovo arrivato!


Come sei arrivato in Madagascar?
Il fatto che io oggi mi trovi qui, è la somma di un sogno di tanti anni fa e di una coincidenza fortuita che mi ha cambiato la vita! Mi ricordo ancora l’anno….nel 1990, ero a casa a guardare la tv, quando mi sono incappato in un documentario sul Madagascar che raccontava  un viaggio di esplorazione su questi territori. Sono stato colpito in maniera violenta da quei paesaggi e da quella natura travolgente, tanto da promettermi che un giorno sarei andato lì. Gli anni passavano ma quel sogno rimaneva sempre intatto: ero spesso in viaggio per altri luoghi e altri continenti, mi sono fermato anche per più di un mese a Manila, nelle Filippine, ma non ero convinto di uscire definitivamente fuori dall’Italia….tutto fino al 2004 quando il mio sogno si materializza durante un mio viaggio in Francia, con l’incontro di quella che di lì a poco sarebbe diventata mia moglie. Non appena Nadia mi ha detto di essere una cittadina del Madagascar, dentro di me è scattato qualcosa….

Da quanto ti sei trasferito stabilmente in Madagascar?
Mi sono trasferito con la mia famiglia, ormai, da tre anni. Io sono originario di Scafati, in provincia di Salerno, dove anche mia moglie Nadia ha vissuto prima di tornare nella sua patria insieme a me! Ora abitiamo ad Antananarivo, la capitale malgascia ma grazie al nostro lavoro ci troviamo molto spesso a girare per le meraviglie dell’isola. Al di fuori dalla capitale che somiglia molto ad una città occidentale con infiniti servizi, hotels, discoteche (ndr la città ha assunto quest’aspetto dopo un lungo periodo coloniale britannico e francofono), si entra nel vero Madagascar quello da documentario, da esplorazione: si può incappare in difficoltà stradali, difficoltà telefoniche, poche strutture per chilometri e chilometri. È come tornare indietro nel tempo rispetto le nostre abitudini occidentali, ma il bello è proprio questo!


Di cosa vi occupate?
Abbiamo intrapreso un’attività turistica:
www.simplementmadagascar.com
Mia moglie, prima di venire a Scafati, lavorava come agente turistico in una grande agenzia e anche suo padre si è sempre  occupato di escursioni e transfer all’interno dell’isola. L’idea è stata quella di sfruttare al meglio queste due professionalità e di mettersi in proprio. Tra l’altro, quando ancora non eravamo qui, ci era già capitato di far venire in Madagascar numerosi amici italiani. Il fatto che la regione piacesse così tanto ai nostri ospiti e per noi ci fosse entusiasmo e una sorta di facilità a fare questo mestiere, ci ha fatto pensare di metterci in proprio. È diventata una sorta di missione far conoscere questi posti meravigliosi ai miei connazionali italiani e a chiunque lo voglia. Respirare il modo di vivere che vige nell’isola è un valore aggiunto alle abitudini occidentali. Posso dire con certezza che si ritorna nel proprio paese, cambiati, migliorati.

Quali sono stati i problemi che ha riscontrato per avviare questo tipo di attività ?
Le difficoltà sono state quelle inerenti all’attività turistica in genere: la concorrenza in loco, i periodi di calo di flusso turistico dovute alle crisi economiche internazionali, il dover imparare le lingue locali in maniera approfondita (ndr. malgascio e francese). Nulla, in realtà, strettamente legato al luogo in cui abitiamo ora.
La burocrazia malgascia è stata semplice da affrontare anche perché le istituzioni tendono a favorire attività in grado di produrre economia per il paese. Per quanto riguarda l’inserimento nella comunità locale del luogo in cui abitiamo, io mi ritengo sicuramente fortunato per il mio status privilegiato di marito di una donna malgascia,  ma gli abitanti dell’isola sono molto accoglienti con tutti. Posso dire che l’onestà è una virtù di cui i malgasci, popolo prevalentemente contadino, possono andare fieri.

A parte il tuo sogno sempre vivo di trasferirti qui, come poi è successo, cosa hai trovato sull’isola?
Ho trovato la tranquillità che di fatto non potevo avere in Italia, ho abbandonato i ritmi frenetici delle città iper-sviluppate che non lasciano più respiro e poi, ovviamente ho trovato una quotidianità serena insieme alla mia famiglia.


Consiglieresti ad un giovane, la vita in Madagascar?

Dipende dalle motivazioni che muovono un individuo.  Qui, gli stipendi da dipendente sono molto bassi, insufficienti per mantenersi da soli, figuriamoci per mantenere una famiglia. Quindi per un giovane che ha desiderio di cambiare vita, in un paese in via di sviluppo, c’è bisogno di un grande spirito di avventura,adattamento e sopratutto la volontà di crearsi un lavoro propriamente autonomo con delle finanze da investire
Invece consiglio fortemente a  lavoratori pensionati di trasferirsi qui, dove anche i costi della vita quotidiana sono molto bassi, perché possono godere della loro rendita fissa e
vivere una vita più rilassata.

Che tipo di risorse offre il paese?
Sicuramente la risorsa più redditizia per l’isola, è quella turistica. Anche se quest’ambito non è ancora sviluppato al 100%, non mancano i visitatori da ogni direzione del mondo. Di recente si è tenuto negli Stati Uniti, presso la sede dell'ONU un meeting internazionale sul turismo in Madagascar come nuova meta, sotto i riflettori di molteplici agenzie di viaggi...e questo ovviamente fa ben sperare!





E per quanto riguarda le caratteristiche negative dell’isola? Cosa hai riscontrato?

Sicuramente il Madagascar paga lo scotto di essere un paese in via di sviluppo: i problemi non mancano come la sanità pubblica che non è delle migliori: bisogna rivolgersi a strutture private,e in casi di delicati interventi bisogna andare all'estero,nel vicino sud africa o nelle vicine Isole Mauritius.
Per le famiglie malgascie non ci sono molti fondi per il sociale gli aiuti arrivano da fondi esteri e per quanto riguarda la scuola, l’istruzione pubblica lascia un po’ a desiderare ma fortunatamente per i minori ci sono istituti scolastici privati francesi che offrono una buona preparazione.


 Il tuo lavoro ha risentito della crisi economica internazionale?
Più che della crisi internazionale, il Madagascar ha risentito di una crisi politica interna che dura da qualche anno: ma sembra essere in via di risoluzione con un governo provvisorio di transizione, in attesa di referendum ed elezioni presidenziali.

Ti è mai capitato di incontrare altri italiani che vivono nella tua terra d’elezione?
Si, spesso. Qui risiedono stabilmente circa 2000 italiani e considerando che non siamo in una metropoli, un motivo ci sarà, no?!


Di Letizia Tiscione 15/12/2010

MOLLOTUTTO badge 200 trasparentSEI INVITATO AD UNIRTI ALLA NUOVA COMMUNITY MOLLOTUTTO:
Il nuovo social network per chi desidera cambiare vita e per chi lo ha già fatto. Una rete per non lasciare fuggire i propri sogni e riuscire a realizzarli.
Il nuovo social network MOLLOTUTTO.net è dedicato esclusivamente agli italiani residenti all'estero e a coloro che desiderano diventarlo,
registrati gratuitamente per entrare nella nuova esclusiva Community e avere la possibilità di contattare direttamente le GUIDE MOLLOTUTTO per ogni paese.
Clicca QUI per inziare a cambiare vita, è GRATIS!


World Visa verifica in quali paesi puoi ottenere un visto permanente728 t_21Bvke.gif
COME FARE BUSINESS CON GLI USA

business negli usa 300X250.gif

VUOI FARE BUSINESS NEGLI USA?

"Business Week To Miami"
è un format di proprietà di PMI2USA creato per tutti gli imprenditori e le persone che intendono fare un primo passo verso il mercato degli Stati Uniti. Grazie a questo EVENTO LIVE a Miami potrai godere dell'opportunità esclusiva di incontrare veri professionisti come AVVOCATI, COMMERCIALISTI, ESPERTI IN FRANCHISING, FDA, REALTOR e fare una visita guidata "business" di Miami. Nessuno aveva mai pensato a un Evento così straordinario a un prezzo ancora più straordinario!
Leggi tutto
Salva
STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO
EazyCity team

STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO
EazyCity è il punto di riferimento per tutti coloro che desiderano trasferirsi in una nuova città per motivi di studio, lavoro o semplicemente per una vacanza!
Non è un caso che EazyCity sia l’agenzia leader nel settore dell’accoglienza in Irlanda e Regno Unito, con uffici a Cork, Dublino e Londra ed offrendo servizi anche a Galway ed Edimburgo. Scopri come...
TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO
transferwise inviare denaro all'estero

LA SCELTA PIU' INTELLIGENTE PER TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO
Le banche ti fanno pagare costi nascosti enormi sui trasferimenti di denaro all'estero.
Con TransferWise abbatti le commissioni e risparmi fino al 90%
. Scopri come funziona

Link Sponsorizzati

zaino bagaglio a mano per voli low cost.jpg
LO ZAINO PERFETTO
COME BAGAGLIO A MANO DA CABINA
ADATTO A TUTTI I VOLI
DELLE COMPAGNIE LOW COST

Salva
HOME:OFFERTE LAVORO ESTERO:GUIDA:LIBRI:PAESI - LEGGI - VISTI:FORUM:REGISTRATI:TROVA I VOLI PIU' ECONOMICI:COME CAMBIARE VITA:PENSIONATI ALL'ESTERO:OCCASIONI IMMOBILIARI:SEMINARI MOLLOTUTTO
MOLLOTUTTO © 1998 Marchio Registrato - Reg.Trib. RE N°1217 - all rights reserved - VAT IT02209570353 Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy