Search   You are here:  Lavorare all'estero come ragazza alla pari  
condividi Mollotutto su facebook







Link Sponsorizzati


confronta voli economici.png
5 PASSI PER TRASFERIRSI FELICEMENTE ALL'ESTERO
ultimi paradisi terrestri
vivere no limits
Racconti di italiani all'estero
MOLLOTUTTO YOUTUBE
VIAGGI NELLE GRANDI CITTA.png
Mappe e Statistiche
MOLLOTUTTO Music
Links Mollotutto
CHI SIAMO
Scrivi a MOLLOTUTTO
RASSEGNA STAMPA Mollotutto
  Vivere e Lavorare in:  ASIA  | OCEANIA   | AMERICA DEL SUD E CARAIBI   | AMERICA DEL NORD E CENTRALE   | AFRICA   | EUROPA

Link Sponsorizzati


LAVORARE ALL'ESTERO COME RAGAZZA ALLA PARI
Di Sante Cantuti 21-01-2011




Cos'è una ragazza alla pari?

Il numero di giovani che desidera rifarsi una vita all’estero cresce di anno in anno. Uno dei modi più semplici per cominciare, oltre al progetto universitario Erasmus, è diventare ragazzo/a alla pari. Essere ragazza alla pari (usiamo il femminile in quanto le ragazze sono numericamente superiori) è una delle tante strade da percorrere per trasferirsi all’estero, migliorare una lingua e pensare eventualmente di trasferirsi stabilmente in quel paese. Si tratta di uno “scambio” vero e proprio: la ragazza viene ospitata e accolta da una famiglia del paese straniero in questione, in cambio deve accudire i figli (un po’ come farebbe una baby sitter o una sorella maggiore) e svolgere qualche lavoro domestico leggero.
In sostanza la ragazza acquisisce tutti i diritti e tutti i doveri di un familiare (alla pari, appunto).

au-pair-Mollo Tutto   au-pair-Mollo Tutto 2.jpg

Link Sponsorizzati



Quali sono i doveri della ragazza alla pari?
Potrà capitare di preparare i pasti ai figli, di aiutarli a fare i compiti, di accompagnarli a scuola, stirare un po’ di biancheria o fare la spesa. In ogni modo sarà esentata dai lavori più pesanti: non dovrà pulire i bagni o stirare le camice del padre. Non si tratta nemmeno di fare propriamente né la donna delle pulizie né l’aiuto-madre, che richiederebbe comunque una certa competenza. Si tratta piuttosto di dare una mano ad accudire i bambini proprio come una sorella maggiore o comunque una parente.

Cosa le viene garantito?
In cambio di leggeri servizi domestici la ragazza ha diritto a ricevere un alloggio sufficientemente ampio, ben illuminato e riscaldato; a ricevere pasti gratuiti; alla possibilità di usufruire della dispensa come qualsiasi altro membro della famiglia; a una paghetta settimanale di almeno 60 euro (si può andare da 120 a 300 euro mensili a seconda del contratto). La ragazza “au pair” ha anche il diritto di avere tempo libero sufficiente per frequentare un corso di lingua per perfezionarsi.

Come si diventa ragazza alla pari?
Esistono degli appositi siti sui quali iscriversi (www.aupair-world.net, www.aupairplacement.com, www.aupairitaly.com, www.iapa.org) la cui iscrizione ha spesso un piccolo costo.
Esistono anche agenzie specializzate quindi più sicure ma che di conseguenza chiedono un costo di iscrizione più alto. Se le due parti si trovano d’accordo, si stipula un contratto.

Cosa si stabilisce nel contratto?
Occorre stare molto attenti a ciò che si stabilisce nel contratto per evitare di diventare delle moderne “cenerentole” ma allo stesso tempo un po’ di flessibilità è ciò che può aiutare di più nel trovare una sistemazione. Nel contratto si stabiliscono le ore di lavoro a settimana (in Italia si suddividono in contratto “au pair” 5 ore al giorno, “demi pair” 3 ore al giorno o “au pair plus” 40 ore a settimana), il tipo di lavoro da svolgere, i giorni e le serate libere, la possibilità delle ferie e se pagate, l’accesso al telefono, al computer di casa e altri mezzi di comunicazione, se è necessaria la patente B e saper cucinare.

Perché tentare questa esperienza?
Per migliorare in poco tempo la propria dimestichezza con una lingua straniera; per guadagnare un po’ di soldi; per fare un’esperienza utile; per rifarsi una vita in un paese estero senza dover cercare disperatamente un lavoro e una casa per i primi tempi.

Quando è meglio lasciar perdere?
Questo tipo di esperienza richiede adattabilità sia al contesto culturale del nuovo paese ma soprattutto a quello del microcosmo familiare. Inutile dirlo, è anche indispensabile una certa dimestichezza con i più piccoli. Per chi non avesse questi due requisiti, potrebbe non trattarsi della strada giusta.


Di Sante Cantuti 21-01-2011

Link Sponsorizzati




World Visa verifica in quali paesi puoi ottenere un visto permanente728 t_21Bvke.gif

STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO
EazyCity team

STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO
EazyCity è il punto di riferimento per tutti coloro che desiderano trasferirsi in una nuova città per motivi di studio, lavoro o semplicemente per una vacanza!
Non è un caso che EazyCity sia l’agenzia leader nel settore dell’accoglienza in Irlanda e Regno Unito, con uffici a Cork, Dublino e Londra ed offrendo servizi anche a Galway ed Edimburgo. Scopri come...
TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO
transferwise inviare denaro all'estero

LA SCELTA PIU' INTELLIGENTE PER TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO
Le banche ti fanno pagare costi nascosti enormi sui trasferimenti di denaro all'estero.
Con TransferWise abbatti le commissioni e risparmi fino al 90%
. Scopri come funziona
Link Sponsorizzati

HOME:OFFERTE LAVORO ESTERO:GUIDA:LIBRI:PAESI - LEGGI - VISTI:TROVA I VOLI PIU' ECONOMICI:COME CAMBIARE VITA:PENSIONATI ALL'ESTERO:OCCASIONI IMMOBILIARI
MOLLOTUTTO © 1998 Marchio Registrato - Reg.Trib. RE N°1217 - all rights reserved - VAT IT02209570353 Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy