Search   You are here:  TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE NEGLI STATI UNITI  
condividi Mollotutto su facebook







Link Sponsorizzati


confronta voli economici.png
5 PASSI PER TRASFERIRSI FELICEMENTE ALL'ESTERO
ultimi paradisi terrestri
vivere no limits
Racconti di italiani all'estero
MOLLOTUTTO YOUTUBE
VIAGGI NELLE GRANDI CITTA.png
Mappe e Statistiche
MOLLOTUTTO Music
Links Mollotutto
CHI SIAMO
Scrivi a MOLLOTUTTO
RASSEGNA STAMPA Mollotutto
  Vivere e Lavorare in:  ASIA  | OCEANIA   | AMERICA DEL SUD E CARAIBI   | AMERICA DEL NORD E CENTRALE   | AFRICA   | EUROPA

Link Sponsorizzati


Link Sponsorizzati


Simone Bertollini avvocato per immigrazione USA
STATI UNITI (New York): Simone, avvocato specializzato in immigrazione USA
Simone, dopo essersi laureato in giurisprudenza in Italia ha deciso di trasferirsi negli Stati Uniti dove ha ricominciato l'università nuovamente diventando avvocato negli Stati Uniti sei mesi prima che se avesse ripsettato i tempi imposti dal "praticantato" in Italia. "...Sono Avvocato a New York e nel New Jersey. Mi occupo principalmente di casi d’immigrazione, dalle pratiche per i visti di lavoro e da investimenti, ai casi penali in Corte Federale per frode d’immigrazione... All’inizio avevo il visto da studente. Poi, ho ottenuto un visto E-2 da investimenti. Il visto era basato proprio sull’investimento fatto nel mio Studio Legale. Ora ho la Green Card, ossia sono residente permanente..."
Leggi tutto l'articolo...
Link Sponsorizzati


STATI UNITI (Dallas): Emanuela insegna arte in una scuola elementare in Texas
Emanuela è nata a Milano
ma quattro anni fa ha deciso di trasferire la sua vita a Dallas, in Texas, un po’ per amore, un po’ perché l’Italia non aveva da offrire ciò che lei desiderava.

"Probabilmente se la situazione lavorativa e il costo della vita in Italia fossero stati differenti, dopo la laurea non avrei sentito l'esigenza di cercare qualcosa di migliore all'estero... Secondo te l'America è ancora quel paese in cui i sogni diventano realtà? Forse sono un'ingenua, ma penso di sì, è una cosa a cui mi e' capitato di assistere già diverse volte da quando vivo qui. Ho visto diverse rinascite e successi sorprendenti. Ho quasi paura a dirlo, ma io stessa sto vivendo un po' il mio sogno, un sogno che soprattutto nel campo lavorativo, non credo avrei potuto realizzare in Italia". Leggi tutto l'articolo...
Link Sponsorizzati

Ezio Burani Mollo Tutto New York
USA (New York): Ezio si trasferito a NY dove ha creato un'agenzia di marketing
Ezio è riuscito nella sfida più grande: confrontarsi con il paese che ha inventato il marketing e l'advertising nel modo che lo conosciamo oggi: da Reggio Emilia si è trasferito a vivere a New York dove ha creato un'agenzia di marketing/branding e packaging design.
"Bolliva in pentola dalla primavera del 2007 quando decisi di partire da solo per una vacanza negli States. Avevo la sensazione chi mi mancasse sempre qualcosa e nonostante la bella realtà in cui lavoravo avevo capito che ero arrivato a un bivio... Quello che alla fine mi mancava era una sfida più grande e mettermi a confronto con realtà di altre dimensioni nel paese che  ha inventato il marketing e advertising nel modo che lo conosciamo oggi..."
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (New York): Isabella si è trasferita a vivere a New York da sola!
Isabella, insegnante milanese, guarda le immagini del disastro al World Trade Center e ne rimane sconvolta. Proprio da quel momento però sente un richiamo forte verso quella città che sembra non voler crollare insieme alle sue torri gemelle. Inizia così dalla provincia di Milano la scommessa di una ragazza che è voluta ripartire da zero dall’altra parte dell’oceano. Isabella ci racconta il suo ultimo anno di vita durante il quale è riuscita a coronare il suo sogno: trasferirsi a New York da sola ma con la consapevolezza che la Grande mela è una città che sa apprezzarti se vali e ti sostiene se hai buona volontà.
"Purtroppo non è facilissimo fare amicizia con un vero NewYorkese perché, come detto, sono spesso impegnati e per uscire a bere una “birra” insieme devi prendere appuntamento, ma se entri nel loro cuore sei parte della famiglia!" Leggi tutto l'articolo...
MANUEL MOLLO TUTTO FLORIDA STATI UNITI (Sarasota): Manuel, partito con 7000$ ora è titolare di sette imprese
Manuel Rebecchi, dopo aver girato in lungo e in largo l’Italia e l’Europa con il circo di sua zia Moira Orfei, è approdato in Florida, a Sarasota, con “settemila dollari e tanti sogni in valigia”.
Oggi, nonostante sia titolare di sette imprese, ha ancora tanti sogni nel cassetto da realizzare, perché come lui stesso afferma: “Trasformare i sogni in realtà è il modo migliore per fare un business di successo.
... "Qui la tassazione è molto equa e tutti pagano le tasse. Per chi ha un’attività in proprio questo è il sistema ideale: si scaricano tutte le spese e si pagano imposizioni fiscali ragionevoli, senza balzelli strani… I servizi sono molto buoni e il tasso di criminalità è uno dei più bassi della Florida: questo è ancora un posto dove puoi dormire con la porta aperta..."
Leggi
tutto l'articolo...
STATI UNITI (Santa Barbara): Andrea si è trasferito a 17 anni negli USA per studio
Mi chiamo Andrea Vezzadini e ho 19 anni, e vivo a Santa Barbara in California da quasi tre anni. Prima di trasferirmi in America vivevo a Reggio Emilia, ero studente al liceo scientifico. A 17 anni ho deciso di intraprendere questa avventura ed andare negli Stati Uniti, cosa che per me era sempre stata un sogno. Volevo andare a studiare all'estero sin da quando ero piccolo.
Il programma iniziale era trascorrere un anno negli Stati Uniti, e poi tornare in Italia e finire la mia scuola nel nostro paese; in realtà' durante il mio anno all'estero, mi sono innamorato così' tanto degli USA... che anziché' tornare in Italia ho deciso di provare a rimanere e a proseguire e finire i miei studi in America
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (New Jersey): Chiara si è trasferita nel nel New Jersey con suo marito
La prima volta che sono partita dall'Italia sono andata in Francia come insegnante di taliano... Alla fine del contratto sono tornata in Italia, mi sono laureata e ho cominciato a lavorare per un'istituto di lingua a Roma come insegnante di italiano. Lo stipendio era una miseria, ovviamente neanche l'ombra di un contratto, e nonostante avessi numerosi colloqui nessuno si permetteva di parlare di contratto o di stipendi che andassero al di sopra dei 900euro. Ti prendevano per sei mesi, "poi si vedrà". Dopo sei mesi in Italia, ho raggiunto il mio ragazzo a Parigi. Li ho vissuto e lavorato per un anno e mezzo in un Istituto di cultura italiana, finalmente con dignità. Contratto a tempo indeterminato, tasse contributi trasporti e pasti, tutto compreso! In Francia il lavoro e' sacro. Dopo ci siamo trasferiti negli USA, dove viviamo ormai da un anno e dove lui lavora in un laboratorio di ricerca. Leggi tutto l'articolo...


STATI UNITI (New York): Maurizio Papa, un cameraman italiano nella Grande Mela
Maurizio ormai trentenne, nel 2004 ha deciso di abbandonare la sua amata Roma, la sua capitale, i suoi colori giallo-rossi della squadra del suo cuore per trasferirsi a vivere e lavorare negli USA, per la precisione... nella Grande Mela... New York! Dove oggi lavora come cameraman per un emittente locale americana. Un grande salto... una grande sfida... Una nuova vita... "Del paese in cui mi trovo come detto mi piace l'idea che all'individuo venga data l'opportunità di vivere di avere un lavoro a prescindere dal ceto, dal colore della pelle, e dal tipo di istruzione, opportunità varie dal manager al cameriere, mi piace l'dea che la città sia sempre viva, giorno e notte! A questo paese mi lega, l'ambiente, la vita che ormai mi sono ritagliato, le nuove amicizie, il mio lavoro, e l'idea che mi ha accolto in quanto straniero, senza farmi sentire troppo immigrato"! Leggi tutto l'articolo...
anna amadei4 copia.jpg
STATI UNITI (New York): Anna Amadei, manager nel settore della danza.
Da bambina sognava di danzare a New York.
Anna Amadei ventinove anni, nata e cresciuta a Carpi in provincia di Modena ora nella Big Apple ci vive, ha sposato un ballerino professionista e lavora come manager proprio nel settore della danza.
Tanto entusiasmo, forza di volontà e un pizzico di testardaggine perché crearsi una nuova vita non è facile: “NYC è un posto estremamente difficile, che spaventa all’inizio e che non ti apre le porte...
Il problema più urgente è il visto! Se non hai un visto non ti danno il lavoro, ma se non hai un’offerta di lavoro non ti danno il visto... La seconda grande difficoltà è la ricerca della casa: senza un conto in banca, senza una “storia di credito” nessuno ti concede un affitto". Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (New York): Elisa Oricchio, il coraggio di mollare tutto da sola!
Si può decidere da un giorno all’altro di abbandonare tutto e trasferirsi oltreoceano? Certo che si può! Elisa Oricchio ne è prova vivente. Dopo una laurea in Biologia e un Dottorato in Microbiologia Medica ad immunologia, si è imbarcata su un volo ed è partita alla volta di New York. Una scelta di grande coraggio la sua, visto che nella Grande Mela non c’era nessuno ad attenderla, l’entusiasmo e la voglia di affermarsi erano i suoi unici compagni di viaggio. Ma a quanto pare tutto ciò è bastato, oggi Elisa è una donna serena, realizzata e soprattutto adora la sua ‘nuova vita’. "Sono partita da sola! E non conoscevo nessuno a New York… In Italia non ci sono molte possibilità di lavoro e nel campo della ricerca scientifica è importante e necessario fare anche un’esperienza all’estero. L’insieme di questi due fattori mi ha spinto a cercare lavoro all’estero". Leggi tutto l'articolo...
Massimo Barbari.jpg
STATI UNITI: Massimo, dalla provincia modenese alla FLORIDA
Deve averne fatta di strada Massimo Barbari per arrivare ai vertici di una grande multinazionale italo-americana!
Dopo anni di viaggi da una sponda all’altra dell’oceano la bandiera a stelle e strisce gli è diventata quasi più famigliare del tricolore: anche se ci tiene a sottolineare che ha imparato ad apprezzare maggiormente le peculiarità dell’Italia e della sua gente.
Dalla sua intervista trapela un certo entusiasmo: la sua esperienza gli ha insegnato i vantaggi del connubio fra pragmatismo americano e inventività italiana.
In Florida ha trovato un mondo molto diverso ma ha anche scoperto come le differenze possono creare sinergia anziché divisione.
"La mia e’ stata una scelta dettata dal fatto cha avevo maturato 7 anni di viaggi di lavoro negli USA con permanenze di circa 4/5 mesi ogni anno dal 1999 al 2006..."... Leggi tutto l'articolo...
RiccardoBevilacqua_GoldenGate copia.jpg
STATI UNITI (New York): Riccardo Bevilacqua, professore presso l’RPI di Troy
Riccardo Bevilacqua, un ingegnere aerospaziale, laureatosi con lode presso La Sapienza – Università di Roma nel 2002, ha trovato il coraggio per mollare tutto e inseguire i suoi sogni e le ambizioni.
Classe 1978, dopo un anno trascorso a lavorare in una compagnia madrilena e un Dottorato di Ricerca in Matematica Applicata nell’ateneo presso il quale si era laureato, è salito senza pensarci sul primo volo per l’America. L’occasione che aspettava è arrivata nel 2007, grazie ad una borsa di studio offerta dallo United States National Research Council.
Riccardo vive negli USA da quattro anni, è sereno, felice e soprattutto è appagato professionalmente. Non potrebbe chiedere di meglio, tanto per usare le sue parole. La sua intervista trasuda entusiasmo... Leggi tutto l'articolo...

VUOI TROVARE UN LAVORO NEGLI STATI UNITI?

USA IL MIGLIORE MOTORE DI RICERCA PER TROVARE LAVORO IN TUTTO IL MONDO!


INSERISCI QUI SOTTO LE TUE RICHIESTE E... BUON LAVORO!


Offerte di lavoro su Careerjet

STATI UNITI (Miami): Beatrice si è trasferita a Miami per studiare alla Saint Thomas
Beatrice Giovanardi
, nata a Reggio Emilia, si è trasferita a Miami nell’agosto 2008; La spronò il viaggio che fece con la madre e il suo compagno in questa meravigliosa città nel 2007. Beatrice ha sempre amato la lingua inglese e così ha intrapreso il suo sogno.
"Fino ad ora ho convissuto con una ragazza ma alla fine del mese mi trasferisco in un altro palazzo e andrò a vivere con un ragazzo che avendo finito il master l’anno scorso,a breve inizierà a lavorare in una compagnia a Brickell.
Dal lunedì al giovedì ho lezione dalle 9.30 alle 15.00 ma, prima di entrare in classe, mi concedo il mio caffé da Starbucks; Nel pomeriggio studio un pochino, faccio un po’ di palestra e sono solita andare a letto verso le due del mattino".
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI: Niccolò si è trasferito a L.A. per studiare musica al Musicians Institute
"Da quando sono qua ho suonato con ottimi musicisti in locali e studi che non avrei mai pensato nemmeno di vedere. Ho suonato all’House of Blues sul Sunset Strip con Tiffany Madadian, ho fatto un tour della California con una cantante con la quale collaboro da un paio di anni e con la quale ho suonato anche in Italia, si chiama Anna Su. In più ho collaborato con svariate band per showcase di etichette discografiche, ho avuto la possibilità di esibirmi in qualche videoclip e da qualche mese ho alcune delle mie canzoni in rotazione su "E entertainment channel". Non è facile trovare spazio perché essendoci tanta gente, c'è anche tanta concorrenza, ma è davvero stimolante e, inevitabilmente, la qualità ne risente positivamente". Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (Nashville): Laura Pentassuglia, ricercatrice a Nashville
Chi meglio di un ricercatore universitario potrebbe delineare un ritratto impietoso della condizione del nostro paese nel settore della ricerca?
E quanto ancora più amaro potrebbe essere questo quadro se i paesi con cui ci si confronta rappresentano l’eccellenza in questo campo?
Laura Pentassuglia dopo aver ultimato gli studi in Italia, ha avviato una prestigiosa carriera di ricercatrice in Svizzera e negli Stati Uniti d’America nel settore della medicina.
Ha scoperto due realtà dove contano le capacità e dove la ricerca viene valorizzata come un momento di formazione fondamentale e onorevole.
Due paesi molto diversi per cultura, dimensioni e costumi ma che grazie alla loro cultura meritocratica aprono le porte a chi ha le capacità.

Leggi tutto l'articolo...
Michele e Marica4 copia.jpg
STATI UNITI (San Diego): Michele e Marica, ingegneri italiani in California
C’è chi sogna tutta la vita di trasferirsi in California, un paradiso dalle spiagge infinite, dominato dalle mitiche colline hollywoodiane, dove l’unica stagione conosciuta è l’estate e chi, invece, ci finisce in modo inaspettato.  Michele e Marica, 33 e 31 anni, un anno fa hanno detto definitivamente addio ad una vita frenetica nella capitale italiana per raggiungere San Diego, dopo che la società romana, per la quale lavorava Michele, era stata assorbita da una multinazionale statunitense.
 La loro vita californiana è iniziata nel settembre del 2009.
"A San Diego la vita è molto più rilassata rispetto a quella alla quale eravamo abituati a Roma. Qui nessuno sembra avere fretta, nessuno rincorre l'autobus, nessuno suona il clacson... 
Pensa che al supermercato quando mi capita di avere qualcuno in fila dietro di me, con solo un paio di cose, e faccio loro cenno di passare avanti, rispondono sempre "no rush" (non c’è fretta) e sorridono". Leggi tutto l'articolo...
Abdrea Lodovichetti regista  New York
STATI UNITI (New York): Andrea, un regista italiano a New York
Andrea Lodovichetti diplomato in Regia Cinematografica, è stato Assistente alla Regia di Paolo Sorrentino per “L’amico di famiglia” e “ Il divo”.
Dal 2002 ad oggi, i lavori cinematografici di Andrea Lodovichetti hanno vinto e sono stati proiettati nel corso di importanti eventi cinematografici internazionali in diversi Paesi del mondo.Una vita trascorsa ad apprendere l’arte cinematografica, i suoi trucchi ed i suoi segreti, numerosi i riconoscimenti ricevuti, ma tante le delusioni di un Paese per cui il talento è qualcosa di pericoloso e non una risorsa... Stanco di aspettare un cambiamento radicale, Andrea ha deciso di trasferirsi nella Grande Mela, dove avrà finalmente l’opportunità di realizzare i propri sogni. “Non è un addio è un semplice, puro, onesto tentativo di realizzare il mio sogno in un Paese in cui ciò potrebbe venirmi concesso”. Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (Portland): Trasferirsi nella terra delle opportunità e delle possibilità
Antimo Cimino ha lasciato Manduria, il suo paese natale, le sue viti e le millenarie mura messapiche, per trasferirsi nella nazione delle opportunità e delle possibilità per eccellenza: gli Stati Uniti. Antimo vive oggi a Portland, nello stato dell’Oregon, sull’oceano Pacifico, una delle trenta città più popolose d’America. Dopo avervi raggiunto degli amici, nel 1996 la decisione di intraprendere qui gli studi universitari ed oggi il lavoro presso un’azienda che si occupa di Leadership Development. La ‘corrispondenza epistolare’ con lui avuta in questi giorni mi permette di definirlo uomo di raro garbo e spiccata affabilità, un grande acquisto per il suo nuovo paese che,  pur avendone riconosciuto le doti, non ne ha cancellato  le radici italiane! Leggi tutto l'articolo...

STATI UNITI (Idaho Falls): Andrea Alfonsi, ingegnere nucleare in America
Lo scorso 12 giugno un referendum ha bocciato, per le seconda volta in meno di trent’anni, l’ipotesi nucleare in Italia. Cosa fare, allora, se si è un Ingegnere Energetico con una specializzazione in Fonti Non Convenzionali, laureato presso una grande università della capitale come “La Sapienza”? Certo, fare colloqui e tentar concorsi… Andrea Alfonsi lo ha fatto, ma un’interessante occasione di lavoro prettamente attinente l’indirizzo di studi per cui si è faticato per anni, occasione cercata e trovata, non si può perdere.
Partito alla volta di Idaho Falls, capoluogo della contea di Bonneville, nell’Idaho, uno stato degli Stati Uniti nord-occidentali, lavora da due anni presso il Laboratorio Governativo dell'United States Department of Energy, “Idaho National Laboratory – INL”, in qualità di Computational Reactor Physic Researcher. Leggi tutto l'articolo...

STATI UNITI (Los Angeles): Giorgia vive a Los Angeles convinta della sua scelta
Giorgia Mannucci ha fatto con se stessa, vincendola. 27 anni, romana, una laurea specialistica in "Gestione e innovazione delle attività culturali ed artistiche", Giorgia vive ora a Los Angeles, in California, convinta della scelta che ha fatto: "Questo è il momento giusto per lasciare l'Italia e per rendersi conto che una prospettiva del tutto diversa può aprire la mente, gli occhi e il cuore... Sono partita per gli Stati Uniti a 26 anni. E' stata una decisione poco razionale, anche se meditata: mi ha spinto l'amore per il mio ragazzo Joe... In America, come altrove, la ricerca di un lavoro non è semplice, ma quanto meno le aziende rispondono alle mail quando si manda loro un curriculum vitae oppure una richiesta. Sono stata addirittura ricontattata da musei e gallerie! In Italia una cosa del genere non esiste..." Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (Miami): Luca Baldisserotto ha scelto di vivere la propria vita a Miami
"Grazie al web, 12 anni fa, ho fondato un Network di Consulenti di viaggio online, che ad oggi, conta oltre 300 addetti che si occupano di organizzare e vendere viaggi, lavorando comodamente da casa o da qualsiasi parte del mondo, purchè ci sia un accesso internet. Questa è un’attività che mi permette di stabilirmi in qualunque parte del globo, in quanto è un lavoro online e come tale, mi offre la possibilità di vivere dove più desidero... Miami mi ha portato la necessità di aprire un'agenzia di viaggio americana, così da sviluppare il Network anche negli USA. Così è nata la “Viaggi online Evolution Travel”, agenzia che gode di un pubblico, grazie ad internet, infinito"!
Leggi tutto l'articolo...
MOLLO TUTTO SAN FRANCISCO STATI UNITI (San Francisco): Ingegnere informatico nella mitica Silicon Valley
Alessandro Carpi, da studente e cameriere nel suo Salento alla specializzazione presso il Politecnico di Torino, fino ad arrivare alla mitica Silicon Valley. "... Prima di essere chiamato dalla mia attuale azienda potevo dirmi praticamente sistemato, lavorando nel campo della sicurezza informatica per una grossa banca. Mi sono trovato a decidere se rinunciare alla sicurezza di un posto stabile in un periodo in cui la gente fatica anche solo a trovare lavoro. Nel contempo ripensavo continuamente ad una frase di un bellissimo film che recita: «Meglio essere pirati che arruolarsi in marina». Il film è I pirati della Silicon Valley e a dirla è un brillante Noha Wyle nei panni di Steve Jobs. Dopo due settimane ero sul primo volo per San Francisco, con grande disperazione dei miei genitori (scherzo!)." Leggi tutto l'articolo...
MOLLOTUTTO USA STATI UNITI (North Carolina): Lo sfogo di Roberto stanco del "sistema" Italia
"Io abito da due anni e mezzo in una città piccolissima vicino a Raleigh... Qui in America se sbagliano risarciscono subito e come scuse danno dei bonus, come ad esempio uno sconto o addirittura offrono il servizio gratuitamente... Essendoci una pressione fiscale che parte dal 20% la gente ha più margine di guadagno e quindi si lamenta meno... I servizi sono ottimi. La vita costa meno e i salari sono molto più alti che in Italia. Tutti pagano le tasse e ovviamente come detto sopra questo va ad incidere nella distribuzione dei pagamenti verso il cittadino.
La delinquenza è minore tanto che si possono lasciare le porte aperte e i corrieri lasciano i pacchi fuori dalla porta. Nessuno tocca  niente, salvo che in alcuni posti, pochi!"

Leggi tutto l'articolo...
MOLLO TUTTO USA
STATI UNITI (Massachusetts): Davida vive in Massachusetts con suo marito David
Vivere in Massachusetts e' sicuramente bello dal punto di vista naturalistico: ci sono moltissime zone verdi, fiumi, foreste ecc. Dal punto di vista sociale... un po' meno. Io vivo in una piccolissima cittadina sperduta nel New England in cui non c'e' nemmeno un parrucchiere aperto al sabato! Lo stile di vita e' molto diverso, si fa fatica a conoscere gente e non si esce molto. Lo stile di vita e' anglosassone ma le influenze del puritanesimo sono ancora forti: ad esempio non si può' comprare alcol la domenica! Lavoro in campo educativo dal 2000. Negli ultimi 6 anni ho lavorato come insegnante di italiano agli stranieri e negli ultimi 4 mesi come insegnante in una scuola per ragazzi autistici. All'inizio era difficile per il gap linguistico e culturale, ma ora va molto meglio!
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (New York): Il coraggio di crearsi il proprio futuro negli USA!
Andrea Meggiato 24 anni nato a Favaro Veneto. "Tutto comincio' da un semplice lavoro di cameriere, che poi con il tempo e la curiosità' mi ha trasferito in cucina, fino a portarmi dove mi trovo ora: New York! In seguito - chiamala fortuna, chiamalo talento - mi viene offerto un lavoro, tramite la compagnia per cui lavoravo a Londra: andare a Los Angeles per gli Accademy Awards e lavorare come cuoco per 3 settimane a Beverly Hills.... per un party privato organizzato per le celebrità' di Hollywood... Non dico che l'esperienza lavorativa all'estero sia per tutti ma posso dire che e' un'esperienza da fare assolutamente.
A volte mi sento come se avessi vissuto in una bolla di sapone per 19 anni: Una bolla che mi ha protetto da tante cose negative ma mi ha tenuto lontano anche da tante possibilità' per migliorare il mio futuro"
.
  Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (St. Petersburg): Fulvia si occupa di investimenti immobiliari in Florida
Fulvia ha iniziato da zero, due anni fa e oggi gestisce una società immobiliare in America con 7 dipendenti americani, 2 realtor e un broker interno alla società e oltre 120 immobili attivi... Fulvia è la dimostrazione che se vuoi, puoi!
"Qui in Florida la burocrazia è zero e lo Stato invece di ostacolarti ti aiuta e ti ringrazia. Inoltre basti pensare che per i primi 50mila dollari di utile una società paga il 15% di tasse e non il 68% complessivo come in Italia.
In pratica, in USA lavori 1 mese per lo Stato ed il resto per te stesso. In Italia lavori 8 mesi per lo Stato e se sei fortunato dal nono mese dell'anno inizi a lavorare per te.
In Italia non conviene fare imprese ed è per questo che tutti i grandi fondi immobiliari stiano ritirando capitali ingenti dal mercato italiano..."
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (South Carolina): Stefano da 7 anni in USA racconta la VERA America
Stefano in Italia lavorava in nero come meccanico e come aiutante tecnico per la rete informatica di una tipografia, negli Usa si fa conoscere già dopo 3 anni: viene chiamato dalla Centrale di Polizia per installare un nuovo sistema di sicurezza informatica. Oggi è agente di supporto tecnico per una nota azienda Italiana e, da Hickory, una cittadina del North Carolina, copre e viaggia tra USA, Messico e Canada.
Stefano ci apre una "finestra" sulla vera vita negli Stati Uniti:
“L'America è molto diversa da quello che molti si aspettano... le grosse città sono isolate e la vera America è quella che si trova in mezzo, ossia fra una metropoli e l'altra, ed è lì che vivi la vera America. Se volete vedere una serie televisiva che rispecchia veramente lo stile di vita americano guardate i Simpson: sono uno specchio della maggior parte delle cittadine da me visitate!”
  Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (Las Vegas): Max Pescatori giocatore di poker pro a Las Vegas
Max Pescatori nato in provincia di Milano già da giovane lavorava come addetto alla vendita in un supermercato dell’hinterland di Milano. La passione del gioco è sempre stata innata in Massimiliano, tanto che organizzava spesso puntatine con gli amici al Casinò di Campione.
La svolta arriva quando comincia a conoscere il Texas Hold’em: Max si appassiona anche alle tante varianti del poker all’americana e così dalla mattina alla sera decide di tentare la fortuna partendo per Las Vegas... "...
in un giorno di gioco live, mi sveglio il più tardi possibile, poi leggera colazione e subito a giocare.
Alla sera se c’è tempo una bella cena meritata.
Poi mi piacciono i film o serie tv come The Walking Dead o South Park, rigorosamente in lingua originale..."
 
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (New York): Daphne, una giovane attrice italiana a New York
In Italia, quando dicevo di fare l’attrice, ottenevo le più disparate reazioni: chi rideva, chi era costernato, chi mi guardava con pena o come se fossi stupida, chi addirittura si sentiva in obbligo di farmi la paternale.
Mentre in Italia vediamo “tronisti” e “veline” diventare attori dal giorno alla notte, negli Stati Uniti le persone vanno all’Università per imparare questo mestiere.
La differenza è notevole ed evidente. Così feci il provino per entrare all’Actors Studio Drama School a New York e venni accettata.

L’Italia mi manca, ma sono cosciente che lì non avrei nemmeno la metà delle possibilità che ho adesso in questa città: questo è un motivo valido per rimanere a New York, perché questo è un mondo di possibilità. Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (New York): Valerio da tre anni vive a New York per diventare attore
Valerio Da Silva Petrone è un giovane ragazzo, originario di Roma, che dall’età di 18 anni ha iniziato a studiare recitazione. Ad un certo punto, Valerio si è accorto che mancava qualcosa nella sua vita, qualcosa che sentiva avrebbe potuto trovare all’estero. Così, complice anche il desiderio di approfondire i propri studi, ha deciso di trasferirsi a New York. Da allora sono passati tre anni. Attualmente Valerio vive a Brooklyn, dove continua a studiare per realizzare il suo grande sogno: quello di diventare un attore.
"Ero così timido e non ti nascondo che lo sono ancora. Ricordo tuttora il mio primo esame, fu la mia prima iniziazione sul palco e chiesi di essere bendato. Mi vergognavo molto a stare ad occhi aperti. Se ci penso adesso mi vien da ridere, ma tutto sommato fu una bellissima esperienza!" Leggi tutto l'articolo...
Beatrice South Dakota copia.JPG
SOUTH DAKOTA: Una casa nella natura per una vita semplice e fuori dagli schemi
Strade infinite che si perdono nell’orizzonte, solcate da qualche motociclista solitario, basse colline e praterie che si estendono a perdita d’occhio e ti fanno credere di star guidando in mezzo ad un oceano verde. Il sogno del vecchio west qui vive ancora, addormentato ma mai completamente finito. Questo è il South Dakota con le sue terre ancora selvagge dove veder pascolare cavalli e bisonti, dove la mano dell’uomo non è riuscita ad imporsi su una natura ancora forte. Il consiglio iniziale che diamo a chi decide di mollare tutto e di cambiare vita è di fare un periodo di prova utilizzando la nostra struttura e la nostra esperienza, per poi trovare insieme il modo di ottenere il visto che permetterà di vivere e lavorare tranquillamente negli States.
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (North Carolina): Marina, un "cervello in fuga" negli Stati Uniti
Marina Galvagni, 27 anni bresciana è un "cervello in fuga" con già due esperienze all’estero: in Svizzera, per il suo dottorato di ricerca in fisica teorica, paese del quale ci parla  definendolo connotato da estrema precisione ed efficienza e del quale però afferma di esserne rimasta "spiazzata".
Da qualche mese si è trasferita negli Stati Uniti, nel North Carolina, dove ha sperimentato da subito un approccio molto positivo con la nuova realtà.
In entrambi i paesi comunque, quando sei straniero, le regole contano il doppio per te, ma è proprio grazie a queste regole che la meritocrazia e la tua professionalità vengono riconosciute maggiormente rispetto all'Italia.
Leggi tutto l'articolo...
STATI UNITI (Seattle): Valeria ci parla di Seattle dove si è trasferita con suo marito
Valeria Lucci, dopo aver preso la laurea in filosofia, si è trasferita a Berlino, fino a quando suo marito ha avuto un’ottima opportunità di lavoro come insegnante di Filosofia alla Seattle University. "Non sono assolutamente un amante degli Stati Uniti e non credo consiglierei mai ad un Italiano di andarci a vivere a meno che non si riceva un’offerta di lavoro davvero irrinunciabile. In ogni caso ci si può trasferire in America soltanto se si ha un lavoro e quindi uno sponsor che garantisca il visto. Per una vacanza sicuramente invece sì: Seattle è una bellissima città e se ne può approfittare partendo da lì per esplorare tutta la costa ovest degli Stati Uniti. Consiglierei invece la Germania senza dubbio, ma non Berlino che sta diventando inflazionata..." Leggi tutto l'articolo...
vivere alle Hawaii
USA (Hawaii): Alessandro, un manager scappato da Milano alle Hawaii ora in Olanda
Alessandro nel 2010 ha deciso di rassegnare le dimissioni, nonostante una brillante carriera da marketing manager, per andare a vivere alle Hawaii. Il posto dove torna una volta all’anno, visto che la sua avventura adesso prosegue in Olanda, e chissà dove lo porterà un domani, forse in Australia. Determinato e soddisfatto non ha di certo timore del domani.
“Paura del futuro? Come fai ad avere paura di qualcosa che sei tu a determinare? Il futuro non è ancora arrivato, sei tu che te lo costruisci”.
.. "E sfatiamo un mito: alle Hawaii non si aprono attività sulla sabbia. è uno dei pochi paradisi che, pur essendo USA, sono rimasti sufficientemente protetti dall’imprenditoria e consumismo massiccio e selvaggio..."  Leggi tutto l'articolo...
Francesca Mollo Tutto ricercatrice Texas
STATI UNITI (Huston): Francesca ricercatrice al Texas Medical Centre di Huston
"...Houston è una città ricchissima, pare sia la prossima NY (così dicono). È una città Americana (come tale è quasi impossibile camminare), il lavoro è ottimo ma i ritmi lavorativi sono ingestibili comparati con quelli italiani: ci sono 13 giorni di ferie annui! Nonostante questo la vita notturna è molto viva ci sono un sacco di locali per tutti i gusti, essendo una grande città del sud è meta di concerti famosi. Per quanto riguarda amore e amicizia, come americani sono molto più “caldi e cordiali”, ma rimangono pur sempre americani. Non è una critica è solo un modo differente di relazionarsi, sono molto meno (parlando in generale) profondi nelle relazioni di noi Italiani. Detto questo ho molti buoni amici americani e in passato vanto anche un fidanzino californiano." Leggi tutto l'articolo...
World Visa verifica in quali paesi puoi ottenere un visto permanente728 t_21Bvke.gif
Link Sponsorizzati

STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO

EAZYCITY
TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO

Inviare-denaro-Estero
Dal 1907 LA TUA SSICURAZIONE VIAGGI

CONSULENZA VISTI ESTERO
consulenza visti estero.jpg


CONSULENZA VISTI ESTERO: 

Se hai intenzione di espatriare, contattami senza alcun impegno, sono a tua disposizione.

mollo tutto come ottenere la green card

STATI UNITI: Come ottenere la GREEN CARD
La Green Card è il permesso nominale di residenza sul suolo americano a tempo illimitato per uno straniero, il che permette di regolarizzare per esempio la situazione lavorativa o abitativa. È rilasciata dall'USCIS (U.S. Citizenship and Immigration Services) e il suo nome ufficiale è
Permanent Resident Card. Ecco i modi per ottenerla: Leggi tutto l'articolo.

zaino bagaglio a mano per voli low cost.jpg
LO ZAINO PERFETTO
COME BAGAGLIO A MANO DA CABINA
ADATTO A TUTTI I VOLI
DELLE COMPAGNIE LOW COST
Salva

HOME:OFFERTE LAVORO ESTERO:GUIDA:LIBRI:PAESI - LEGGI - VISTI:TROVA I VOLI PIU' ECONOMICI:COME CAMBIARE VITA:PENSIONATI ALL'ESTERO:OCCASIONI IMMOBILIARI
MOLLOTUTTO © 1998 Marchio Registrato - Reg.Trib. RE N°1217 - all rights reserved - VAT IT02209570353 Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy