Search   You are here:  Trasferirsi a vivere e lavorare a Rio de Janeiro  
condividi Mollotutto su facebook







Link Sponsorizzati


  Vivere e Lavorare in:  ASIA  | OCEANIA   | AMERICA DEL SUD E CARAIBI   | AMERICA DEL NORD E CENTRALE   | AFRICA   | EUROPA

Link Sponsorizzati


TRASFERIRSI A VIVERE E LAVORARE IN BRASILE: Rio De Janeiro
Andrea ha deciso di abbandonare definitivamente l'Italia e di trasferirsi stabilmente a Rio de Janeiro, lavorando come designer e architetto

Di Maura De Gaetano 20/01/2012



Andrea P., 40 anni, nato a Merano e vissuto a Milano: una passione innata per i viaggi per le diverse culture . Dopo aver visitato numerosi Paesi, ha deciso di abbandonare definitivamente l'Italia e di trasferirsi stabilmente a Rio de Janeiro, in Brasile, lavorando come designer e architetto. «Per me essere "molteplice" è un must intellettuale – afferma – e forse è anche l'unico modo per stare al mondo. Sono cosmopolita per nascita, situazione e convenienza: considero la vita un grande viaggio e credo nella continua trasformazione».


Cosa facevi in Italia, prima di partire?
Nella mia vita ho cambiato molte occupazioni. Ho lavorato sia con l'architettura – dalla costruzione di fabbriche a quella di negozi "della moda" di Milano – sia col design. Negli ultimi anni di permanenza in Italia ho collaborato con diversi registi e case di produzione per la realizzazione di film, documentari e pubblicità.

andrea p. rio de janeiro.jpg


La tua vita italiana ti soddisfaceva?

L'Italia è una Paese fantastico, coi suoi pregi e i suoi difetti: una bizzarra repubblica inventata a metà 800 con regionalismi curiosi, svariate lingue e differenze in ambito culturale, alimentare e comportamentale. Sono serissimo, lo dico da "ironico cronico": la adoro. Come tutti i Paesi, però, spesso la gente non sa o non nota questa cosa: tutto ciò che ha avuto una nascita  - in realtà molte nascite - ha una vita e avrà una morte. Sì, l'Italia morirà o almeno diventerà altra cosa da come noi la conosciamo ora. Questo è normale, fa parte della storia delle nazioni, che possono avere vita brevissima o lunghissima, ma comunque diversa dalla vita media degli esseri umani. È fondamentale accorgersi di questa cosa.



Cosa ti ha spinto a lasciare l'Italia?

Fondamentalmente la voglia di cambiare, di evolvermi. Nella mia vita sono stato fortunato: non ci sono cose di cui mi pento. Ho viaggiato in lungo e in largo, visitando tutti i continenti, con centinaia di mete diverse. Ho prodotto documentari di viaggio e ho fatto un giro del mondo di quasi 4 mesi. Ho una certa familiarità col mondo, con le lingue (ne parlo – male – sei) e con le persone appartenenti a culture diverse dalla nostra. Questo mi ha aiutato a modificare il mio pensiero, a correggere le mie traiettorie. Sono fortemente attratto da ciò che non conosco.  



Come mai hai scelto di andare a vivere proprio in Brasile?

Ora, il punto, semplificando moltissimo, è solo uno: è come quando scegli un amore o un amico... è un semplice fatto di energia. Un luogo dove sai di stare bene, un luogo che ti da qualcosa che altrove non avevi o non potevi avere per cause connesse alla politica, all'economia, alla cultura, alla situazione attuale, al modo di essere e di porsi della gente. Ci sono "terreni" che sono più funzionali al tuo carattere, più in sintonia rispetto al tuo modo di pensare le cose e il mondo. Direi addirittura che ti sono congeniali. Se un eschimese nascesse e vivesse in Uganda e non si trovasse bene gli direi «Vai via, cerca altrove!». Per me è una questione di ricerca: io non scappo, né mi piace l'espressione "mollo tutto" o "trasferirsi".



Avevi già avuto modo di conoscere il Brasile? 

Conosco l'America Latina – da Tijuana in Messico fino ad Usuhaia in Argentina – abbastanza bene. Sono stato in Brasile molte volte, sia per lavoro che per piacere. Mi accadeva una cosa strana quando venivo qui: alle volte rimanevo a Rio un mese, con mille progetti e intenzioni di viaggio all'interno del Paese... Spesso, però, ripartivo dopo un mese chiedendomi cosa avessi fatto tutto quel tempo, se non aver camminato per la città, nella sua incredibile geografia, e aver osservato paesaggi naturali e umani. Ancora non ho una risposta, perché ancora questo luogo ha per me un suo fascino misterioso, una gradevolezza difficile da cogliere. In realtà non è mai accaduto nulla di particolare: semplicemente scoprii che, il fatto di esserci, di essere qui, faceva per me la differenza. I luoghi cambiano e trasformano: spesso noi diventiamo i luoghi.


rio de janeiro 1.jpg




andrea p. rio de janeiro 2.jpg


Quali sono state le difficoltà iniziali? E quali sono le maggiori differenze, sul piano dell'organizzazione del lavoro e della mentalità, tra l'Italia e il Brasile?

Sicuramente non è facile combattere contro questo tipo di burocrazia, quella brasiliana, latina e labirintica come la nostra, portoghese per lingua e diritto e multiculturale per formazione. Conquistare la " felicità " è sempre complesso. Amo troppo questa "Europa tropicalizzata", come io definisco il Brasile: perché qui la miscela tra neri (sì neri, anzi negros: il politically correct di matrice inglese qui non ha deturpato i costrutti sintattici, né le parole), indios, emigrati europei, libanesi, ebrei e giapponesi ha creato un nuovo tipo di organizzazione-mondo, una nuova popolazione, nuovi gesti, parole e psicologie differenti. E' come essere dentro un grande esperimento continentale. Qui tutto ciò che non era possibile in Europa diviene magicamente facile, specialmente sotto il piano delle relazioni personali, affettive o lavorative. E' un mondo nuovo, epurato da barriere antiche e idiote, da gerarchie inutili. Quello che qui conta, oltre alle capacità, è il sorriso, il modo di porsi, il voler fare. Qui si vive allegri e spensierati, sapendo che, se anche tutto dovesse andare male nella vita, una banana e un mango ti cadranno sempre in testa. E questo non è poco. E' un enorme vantaggio, una differenza abissale di impostazione nella vita. L'Italia, a mio giudizio, senza addentrarci nei singoli motivi che sono visibili alle persone mediamente informate e intelligenti, si sta ritirando ogni giorno che passa nella paura e questo genera chiusura e insicurezza, regressione culturale e abbandono. Il futuro, così, diventa scuro e incomprensibile.



Ti sei fidanzato o sposato con una ragazza del posto?

Sono fidanzato con una ragazza francese! Quindi dimenticatevi dei luoghi comuni brasiliani "sole, culi abbronzati e calcio": questi sono specchietti per turisti-allodole. In Brasile c'è "muito, muito mais" (molto, molto di più)



rio de janeiro2.jpg


Pensi mai ad un rientro definitivo in Italia? E cosa consiglieresti a chi stesse pensando, come te, di cambiare vita?

Non penso di tornare "a casa " a breve. Sono in contatto sempre con amici e parenti: stimolo ogni persona che conosco a prendere in seria considerazione un possibile trasferimento in terre più "fertili ", più dinamiche. La vita gira e bisogna cercare di starle dietro, avendone le possibilità e un po' di coraggio. Questo è un mondo veramente globalizzato: ciò non vuol dire che uno non possa "trovare la felicità" in un piccolo paesino montano o costiero italiano... Dipende da quello di cui hai bisogno per star bene. Io, ad esempio, ho bisogno di "alegria... muita alegria!" (allegria ..molta allegria)



Tirando le somme... 
Chiuderei con un'"equazione":
Questo è un paese del "muito" (molto), l'Italia – ahimé – è diventata il paese del "pouco" (poco). Con la consapevolezza che poteva esser molto, ma molto di più...



Di Maura De Gaetano 20/01/2012




World Visa verifica in quali paesi puoi ottenere un visto permanente728 t_21Bvke.gif
Dal 1907 LA TUA SSICURAZIONE VIAGGI
STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO

EAZYCITY
TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO

Inviare-denaro-Estero

Link Sponsorizzati


zaino bagaglio a mano per voli low cost.jpg
LO ZAINO PERFETTO
COME BAGAGLIO A MANO DA CABINA
ADATTO A TUTTI I VOLI
DELLE COMPAGNIE LOW COST
Salva
HOME:OFFERTE LAVORO ESTERO:GUIDA:LIBRI:PAESI - LEGGI - VISTI:TROVA I VOLI PIU' ECONOMICI:COME CAMBIARE VITA:PENSIONATI ALL'ESTERO:OCCASIONI IMMOBILIARI
MOLLOTUTTO © 1998 Marchio Registrato - Reg.Trib. RE N°1217 - all rights reserved - VAT IT02209570353 Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy