Search   You are here:  costa rica  
condividi Mollotutto su facebook







Link Sponsorizzati


  Vivere e Lavorare in:  ASIA  | OCEANIA   | AMERICA DEL SUD E CARAIBI   | AMERICA DEL NORD E CENTRALE   | AFRICA   | EUROPA

Link Sponsorizzati



costarica.jpg  Costa Rica


Capitale: San José

Lingua ufficiale: spagnolo

Moneta: Colón di Costa Rica


corrente elettrica è di 110 Volt ed è necessario procurarsi un trasformatore per gli apparecchi elettrici dall'Italia. Le prese sono a due lamelle piatte.


Forma istituzionale: repubblica presidenziale



costa_rica_sm_2008.gif






Non sono state stipulate convenzioni per prevenire le doppie imposizioni sul reddito o sul patrimonio, mentre è in fase di negoziazione un accordo per la promozione e la protezione degli investimenti. Per la normativa italiana il Costa Rica è considerato un Paese a fiscalità privilegiata. Infatti si considerano residenti in Italia, salvo prova contraria, i cittadini italiani cancellati dall’anagrafe della popolazione residente ed emigrati in Costa Rica; si considerano indeducibili i componenti negativi derivanti da operazioni intercorse tra società residenti in Italia e imprese fiscalmente domiciliate in Costa Rica, con riferimento alle società i cui proventi affluiscono da fonti estere nonché con riferimento alle società esercenti attività ad alta tecnologia; si considerano imputabili in Italia i redditi prodotti dalle imprese partecipate residenti o localizzate in Costa Rica, con riferimento alle società i cui proventi affluiscono da fonti estere nonché con riferimento alle società esercenti attività ad alta tecnologia.

La residenza
La residenza della persona fisica si identifica con: il luogo della residenza abituale la quale si presume laddove vi sia permanenza per oltre 6 mesi nel periodo di imposta; il domicilio inteso quale centro di imputazione di affari e interessi, quando la residenza è sconosciuta o è difficile determinarla; il luogo dove si perfeziona il presupposto dell’obbligazione tributaria, nel caso non soccorrano i precedenti criteri; il luogo che stabilisce l’Amministrazione finanziaria quando la persona abbia più di un domicilio. La residenza della persona giuridica, invece, si identifica con: la sede principale dell’amministrazione; la sede principale della sua attività nel Paese quando non si conosce il luogo sub a). In mancanza, valgono i criteri residuali previsti per le persone fisiche (cfr. sub c) e d)). I contribuenti possono stabilire un domicilio speciale con l’assenso espresso dell’Amministrazione la quale può negarlo per ragioni di opportunità concernenti l’accertamento e la riscossione.

L’imposta personale sui redditi
Sono soggetti passivi tutte le imprese pubbliche o private che svolgono attività o concludono negozi a scopo di lucro nel Paese, indipendentemente dalla nazionalità, dal domicilio o dal luogo di stipulazione dei contratti. Il reddito imponibile si ottiene dalla differenza tra i ricavi e i costi necessari a produrre il reddito nonché quelli espressamente deducibili per legge e registrati in contabilità.

In caso di percezione di redditi da lavoro dipendente o da pensione, gli stessi vanno imputati al primo scaglione. Se tali redditi eccedono la soglia di esenzione, si rende applicabile soltanto l’aliquota prevista per il secondo scaglione.    

La tassazione redditi societari
La tassazione dei dividendi è del 15 per cento. Se le azioni sono negoziate in una Borsa riconosciuta ufficialmente l’aliquota è del 5 per cento. Per le società valgono alcune regole particolari. In particolare è ammesso il riporto delle perdite con le seguenti limitazioni: per tre anni consecutivi per le imprese industriali stabili; per cinque anni consecutivi per le imprese di nuova costituzione; per cinque anni consecutivi per le imprese agricole. La determinazione delle perdite è soggetta al giudizio dell’Amministrazione che la validerà sempre che le stesse siano debitamente contabilizzate come perdite differite. I metodi di ammortamento delle attività immobilizzate sono quello della line retta e quello della somma degli anni. Il metodo impiegato, a scelta del contribuente, deve comunque prendere a base la vita utile del bene stimata in anni. L’aliquota prevista è del 30 per cento, mentre per le piccole imprese (i cui ricavi lordi non eccedono 55.943.000 C) sono soggette alle seguenti aliquote: fino a 27.811.000 C di volume d’affari: 10 per cento; fino a 55.943.000 C di volume d’affari: 20 per cento.

Le agevolazioni delle zone franche
Le operazioni effettuate nelle export processing zones godono di numerosi vantaggi fiscali, originariamente spettanti alle imprese industriali e agricole ma ora estesi ad un’ampia platea di imprese di servizi: si tratta dell’esenzione totale dall’imposta sugli utili societari per un periodo compreso tra 8 e 12 anni dall’inizio dell’attività e del 50 per cento per un periodo ulteriore da 4 a 6 anni; dell’esenzione per lo stesso periodo dai diritti doganali su materiali grezzi, macchineri e attrezzature; dell’esenzione per lo stesso periodo dall’imposta sul valore aggiunto e dalle imposte sui consumi e dell’esenzione dalla ritenuta sui pagamenti ai non residenti. La deadline per l’abolizione di tali misure è stata estesa al 2009.

L’imposta sul valore aggiunto
Sono soggetti passivi le persone fisiche o giuridiche, di diritto o di fatto, pubbliche o private, che effettuano vendite di beni o prestazioni di servizi in forma abituale, nonché i soggetti di qualsiasi natura che effettuano importazioni di beni. La base imponibile nella vendita di merci corrisponde al prezzo netto di vendita che include le imposte di consumo qualora i beni considerati vi siano soggetti. Nella prestazione di servizi l’imposta si applica sul prezzo dopo la deduzione degli importi a cui si riferiscono i tributi afferenti i beni gravati dalle imposte di consumo. Per i beni di importazione l’imposta si applica sul valore doganale aumentato dai diritti di importazione, dalle imposte di consumo e da qualsiasi altro tributo sulle importazioni così come gli oneri di polizza. L’imposta sul valore aggiunto deve essere liquidata separatamente sulla base di tali documenti e il pagamento dovrà essere provato prima di sdoganare la merce. Tra i beni espressamente previsti come esenti da imposta meritano menzione il cherosene, il diesel per la pesca non sportiva, i quadri realizzati nel Paese da pittori nazionali o stranieri, il consumo mensile di energia elettrica residenziale non superiore a 250 Kw/h. Quando il consumo mensile supera 250 Kw/h l’imposta si applica sul totale consumato. L’aliquota prevista è del 15 per cento per tutte le operazioni, con eccezione del consumo di energia elettrica residenziale, gravata del 5 per cento. La liquidazione deve effettuarsi entro il quindicesimo giorno di ogni mese mediante la presentazione di una dichiarazione giurata. Entro il medesimo termine deve essere effettuato il pagamento dell’imposta relativa. L’obbligo di presentare la dichiarazione sussiste anche quando l’imposta non è dovuta o la liquidazione espone un saldo a favore del contribuente.

Aspetti internazionali della tassazione
Secondo il principio della territorialità dell’imposizione sono soggetti a tassazione i redditi di fonte costaricana destinati all’estero. Sono redditi di fonte interna, ad esempio, i redditi derivanti dall’impiego di capitali, beni o diritti, ritratti o utilizzati nel Paese, i proventi originati da attività civili, commerciali, bancarie, finanziarie, industriali, agricole, forestali, peschiere o minerarie. È tuttavia previsto che ogni altro reddito non contemplato espressamente dalla legge come di fonte costaricana, di qualunque natura, purché derivi da attività svolte nel territorio dello Stato, sia soggetto alla tassazione del Costa Rica. Fatta salva l’applicazione delle norme che prevedono espressamente i redditi di fonte interna, la legge considera aventi la medesima fonte, ad esempio, le remunerazioni che lo Stato paga a suoi rappresentanti all’estero, le remunerazioni corrisposte all’equipaggio di navi o aeromobili sempre che siano immatricolate nello Stato, indipendentemente dalla nazionalità, dal domicilio o dal luogo in cui il traffico è effettuato, o i redditi ottenuti da persone non domiciliate in Costa Rica per la produzione, distribuzione e intermediazione nel Paese di pellicole cinematografiche e per la radiotelevisione (per le radionovelas e telenovelas l’aliquota è del 50 per cento).

di Luca Conte - Papuzzi

Fonti informative
- Periodico di fiscalità ufficiale:  www.fisconelmondo.it pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Settore Comunicazione Istituzionale

- sito ufficiale dell’Amministrazione finanziaria del Costarica: www.hacienda.go.cr
- sito ufficiale del Centro interamericano de Administraciones Tributarias: www.ciat.org
- sito web: www.lowtax.net




MOLLOTUTTO badge 200 trasparentSEI INVITATO AD UNIRTI ALLA NUOVA COMMUNITY MOLLOTUTTO:
Il nuovo social network per chi desidera cambiare vita e per chi lo ha già fatto. Una rete per non lasciare fuggire i propri sogni e riuscire a realizzarli.
Il nuovo social network MOLLOTUTTO.net è dedicato esclusivamente agli italiani residenti all'estero e a coloro che desiderano diventarlo,
registrati gratuitamente per entrare nella nuova esclusiva Community e avere la possibilità di contattare direttamente le GUIDE MOLLOTUTTO per ogni paese.
Clicca QUI per inziare a cambiare vita, è GRATIS!
Dal 1907 LA TUA SSICURAZIONE VIAGGI
STUDIARE E LAVORARE ALL'ESTERO

EAZYCITY
TRASFERIRE DENARO ALL'ESTERO

Inviare-denaro-Estero

Link Sponsorizzati


zaino bagaglio a mano per voli low cost.jpg
LO ZAINO PERFETTO
COME BAGAGLIO A MANO DA CABINA
ADATTO A TUTTI I VOLI
DELLE COMPAGNIE LOW COST
Salva
HOME:OFFERTE LAVORO ESTERO:GUIDA:LIBRI:PAESI - LEGGI - VISTI:TROVA I VOLI PIU' ECONOMICI:COME CAMBIARE VITA:PENSIONATI ALL'ESTERO:OCCASIONI IMMOBILIARI
MOLLOTUTTO © 1998 Marchio Registrato - Reg.Trib. RE N°1217 - all rights reserved - VAT IT02209570353 Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy